Dente della Vecchia - Via Taiana-Grava

Difficoltà
6a VI+ 5.10b 5b - 19
Modalità
Primo
Rischio
RS1
Lunghezze
6
Sviluppo
90 mt
Note

Accesso: da Biella raggiungere Piedicavallo

Avvicinamento: da Piedicavallo salire la bellissima mulattiera (segnavia E50) per il Lago della Vecchia. Dopo circa un’ora di cammino, giunti poco prima di una lapide commemorativa dedicata a Boffa Ballaran, abbandonare la mulattiera  verso destra, in corrispondenza di una scritta a terra che indica “Dente” ed un’altra a lato che indica “Sperone Eric”: qui salire circa 30 metri (presenti bandelle) puntando ad un abete vicino ad una roccia liscia su cui è segnata una freccia rossa. La roccia si trova in corrispondenza di un gruppo di betulle (siamo a soli 40 m circa dal sentiero principale). Senza esitazione attraversare a destra come indica la freccia, in corrispondenza di un piccolo larice piegato da una slavina (con bandella) ed ometti che indicano il passaggio: qui si troverà una corda fissa che si segue in discesa 15 metri su prato ripido per immettersi nel canalone. Salire il canalone seguendo i numerosi ometti, fino a ritrovare un ometto più grande con la scritta “Dente”, posto circa 15 metri più in basso della scritta “Sperone Eric”: qui puntare a destra verso la struttura rocciosa (presenti bandelle ed ometti) e con lungo traverso ascendente raggiungere nuovamente un canale erboso, con un albero. Qui si consiglia di legarsi e con un tiro di circa 30 metri su erba scivolosa e roccette (presenti 2 fix) si raggiunge una cengia che conduce verso destra alla partenza della via. Ore 2,15. Attenzione, dopo aver lasciato il Sentiero della Vecchia ci si trova su terreno ripido e malagevole che richiede piede sicuro e calzature da montagna (no scarpe da runner).